The Weekly Fix: The River City Chronicles – Chapter Eighty Four: Lord Love a Duck

I’m writing a series from week to week – based in part on the characters Brad and Sam from my novella “Between the Lines“. Dreamspinner has graciously created the discount code RIVERCITY for me – it will give you 25% off the novella if you want to go back and read that story. But it’s not necessary to read it before jumping in here.

La versione italiana e in fondo

Read the whole thing to-date here

(Leggi tutta la storia finora qui)

River City Chronicles

Chapter Eight Four: Lord Love a Duck

Carmelina stood in front of the store window. On display was the most adorable pair of baby shoes, patent leather in pink and white. A little hand-lettered card next to them said “12 months.”

It was August 15th, 1976, one year to the day after Andrea’s birth. One year to the day after Carmelina had done the most painful thing she could imagine—giving up her baby girl to a stranger.

Carmelina closed her eyes, holding out her hands and imagining Andrea in her arms, her voice gurgling, her blue eyes looking up at Carmelina. Andrea didn’t have a clue what was coming next; she trusted her mother completely.

Despite Carmelina’s own mother’s assurance that she had done the right thing, she knew it would haunt her forever. That little face she might never see again.

Carmelina opened her eyes. Maybe this idea was foolish. Maybe she’d be better off finding a way to let go.

She pulled out her pocketbook and leafed through it. She had just enough to pay for the shoes, if she skipped lunch the next couple days. She would put them in the little blue box, and someday, maybe, she would give them to Andrea herself.

Decided, she pushed open the shop door, the bell announcing her intentions.

 

“Sorry to keep you waiting.” Emily Sharp closed her office door behind her, her voice startling Carmelina out of her reverie.

“That’s okay. I’m not sure I’m ready for your news, to be honest.” What if Emily hadn’t found anything?

What if she had?

“I understand. This must be difficult for you.” She sat down behind her desk and leaned her chair back, entwining her fingers over her stomach. “Before we get started, can I ask you something?”

She’s pregnant. Carmelina wasn’t sure how she knew it. “Sure.”

“If your daughter had come looking for you, would you have wanted to meet her?”

“Absolutely.” It came out with a vehemence that surprised Carmelina, but there was really no doubt in her mind. “Why? Are you thinking of looking for your own mother?”

Emily looked out the window, a wistful expression on her face. “Maybe,” she said at last. “Dani and I are becoming parents ourselves, so motherhood has been on my mind a lot these days. I’m not sure I want to meet her, though. She was an addict, from what I’ve learned. Do I want that in my life? In my child’s life?” Emily shrugged. “Anyhow, enough about me.” She sat up and pulled a folder out of one of her desk drawers.

“You know who she is?”

Emily nodded. “One of the perks of the job—I’m my own personal PI.”

Carmelina leaned forward and took her hand. “I can’t tell you if it’s a good idea or not to meet her. I can only tell you that I would give everything I have for the chance to see my own daughter just one more time.”

Emily sniffed and wiped the corner of her eye. “I… yes, good to know. I’ll think about it. Now, should we talk about your granddaughter?”

Carmelina sat back, a trickle of sweat running down her spine. “You found something, then?”

“More than something. I have her name and her adopted parents’ phone number and address. I also pulled some public records. There are a few photos in there as well.” She slid the folder across the desk. The tab was hand-lettered “Mary.”.

Carmelina picked up the folder and held it to her chest. This was it. Her hands tingled, and she was suddenly suffused with an almost overwhelming anxiety tinged with joy.

She opened the folder.

The first thing was a school photo of a beautiful blonde girl, maybe seven or eight years old. “She’s beautiful.” Carmelina could see her own face in the girl’s features. She smiled and closed her eyes, and kissed the photo, then set it aside.

The next thing was a junior high school transcript.

“I’m afraid I do have one bit of bad news.”

Carmelina looked up with a frown. “What?”

“She’s been placed in temporary foster care. I don’t know with whom. If you want, I can try to find out more.”

“What happened to her?” Was she a juvenile delinquent?

“Some kind of dispute with her parents.”

“Okay.” That was all right. One thing at a time. She turned back to the school transcript and started to read it. Carmelina’s heart raced. “That’s her name?”

“Yes. They changed it when she was adopted.”

She flipped through the file, searching for a more current photo. At the very back, there was a newspaper clipping dated August 2014. High School Junior Wins Race.

“Lord love a duck.” It was her.

Emily frowned. “That’s a reaction I’ve never seen before. What’s it mean?”

Carmelina closed the folder. “It means I think I know where to find her.”

“Well that’s a first.”

Carmelina laughed. She was this close. She thanked Emily and gave the woman a big hug. “You have no idea what you have done for me,” she said, squeezing her tight. “I hope you go see your own mother. Regardless of what might happen.”

“Thank you. I hope your reunion is everything you hoped for.” She closed her office door with an encouraging smile, hand on her stomach.

Carmelina let herself out of the lobby and descended the stairs to J Street.

Marcos. She needed to talk to Marcos. He would know what to do next.

She grabbed a coffee at the Everyday Grind on 20th. Then she sent him a text.

Need to talk.

There was no response. She sipped her coffee out on the boardwalk under the great oak tree, watching a cyclist in neon green spandex cycle by.

 Are you there?

 So many things she wanted to say to her granddaughter. So many questions to ask.

It’s important. Need to talk with you.

She lost track of how many times she texted him as the afternoon slipped by. She was just about to give up and head home when her phone dinged.

Sorry, taking care of Dave.

Is he okay?

I think so.

Can I meet you for coffee? Tomorrow morning?

She waited anxiously for his response.

I think so. 10 AM, the EG on J and 38th?

Perfect. see you there.

She’d waited forty years for this moment. Another seventeen hours wouldn’t kill her.


Capitolo Ottantaquattro: Porca paletta

Carmelina era in piedi davanti alla vetrina del negozio di scarpe. In bella mostra c’era il più bel paio di scarpine da bambina in pelle bianca e rosa che avesse mai visto. Una targhetta scritta a mano diceva ’12 mesi’.

Era il 15 agosto 1976, un anno esatto dopo la nascita di Andrea. Un anno esatto da quando lei, Carmelina, aveva compiuto il gesto più doloroso che si potesse immaginare: aveva affidato la sua bambina a un estraneo.

Chiuse gli occhi e sollevò le braccia davanti a sé, immaginando di cullarla. Immaginando i suoi versetti gorgoglianti, i suoi occhi blu fissi su di lei. Andrea non aveva avuto idea di cosa sarebbe successo dopo e si era affidata completamente alla sua mamma.

Nonostante la sua, di mamma, le avesse assicurato che aveva fatto la scelta migliore, Carmelina sapeva che non se ne sarebbe mai fatta una ragione. Che non avrebbe mai dimenticato quel visetto che, con ogni probabilità, non avrebbe mai più visto.

Aprì gli occhi. Forse era un’idea folle. Forse avrebbe fatto meglio a cercare un modo per lasciarsi quella brutta esperienza alle spalle.

Prese l’agenda che aveva in tasca e la sfogliò in fretta. Se avesse rinunciato al pranzo per qualche giorno avrebbe avuto abbastanza soldi da comprare le scarpine. Le avrebbe messe nella scatola blu e forse, un giorno, avrebbe potuto dargliele di persona.

Una volta deciso, spinse la porta del negozio, la campanella che annunciava le sue intenzioni.

 

“Scusi se l’ho fatta aspettare.” Emily Sharp si chiuse la porta dell’ufficio alle spalle, la sua voce che risvegliò Carmelina dal sogno a occhi aperti.

“Non c’è problema. Anche se non sono sicura di essere pronta a sentire quello che ha da dirmi.” E se non avesse trovato niente?

E se invece avesse trovato qualcosa?

“La capisco. Dev’essere difficile.” Emily sedette alla scrivania e si appoggiò allo schienale della poltrona, le dita intrecciate sulla pancia. “Prima di cominciare, posso chiederle una cosa?”

È incinta. Carmelina non era sicura di come facesse a saperlo. “Certo.”

“Se sua figlia fosse venuta a cercarla, lei avrebbe voluto incontrarla?”

“Senza dubbio.” L’affermazione le uscì con una veemenza che sorprese persino lei, ma davvero non aveva dubbi. “Perché? Sta pensando di cercare sua madre?”

Emily spostò lo sguardo fuori dalla finestra, un’espressione assorta sul viso. “Forse,” disse alla fine. “Io e Dani stiamo per diventare genitori, quindi ho pensato molto alla famiglia in questi ultimi tempi. Ciononostante non sono sicura di volerla conoscere. Da quello che ho saputo aveva una dipendenza da eroina. Voglio che una persona del genere faccia parte della mia vita? Di quella della mia creatura?” Si strinse nelle spalle. “Però ora basta parlare di me.” Si rimise dritta ed estrasse un plico da uno dei cassetti della scrivania.

“Sa chi è?”

Emily annuì. “Uno dei lati positivi di questo mestiere… posso investigare per me stessa.”

Carmelina si protese e le strinse la mano. “Non so dirle se incontrarla sia o meno una buona idea. Quello che posso dirle è che io farei di tutto per avere l’occasione di incontrare almeno una volta mia figlia.”

Emily tirò su col naso e si asciugò l’angolo di un occhio. “È… buono a sapersi. Ci penserò. Ora, vogliamo parlare di sua nipote?”

Carmelia si raddrizzò, mentre una goccia di sudore le scivolava lungo la schiena. “Ha trovato qualcosa, allora?”

“Ho trovato molto. So il suo nome e l’indirizzo e il telefono dei genitori adottivi. Ho anche copiato alcuni atti pubblici, tra cui delle foto.” Fece scivolare il plico sulla scrivania. Sopra, a mano, c’era scritto ‘Mary’.

Carmelina lo raccolse e se lo portò al petto. Finalmente! Le tremavano le mani e all’improvviso di sentì afferrare da un senso di panico misto a euforia.

Aprì la cartellina.

La prima cosa che vide fu la foto scolastica di una bellissima bambina bionda di sette o otto anni. “È splendida.” Riconobbe i suoi lineamenti in quelli della piccola. Con un sorriso chiuse gli occhi e baciò la foto, poi la mise da parte.

Il documento successivo era la certificazione di una scuola.

“Mi dispiace, ma credo di avere anche delle cattive notizie.”

Carmelina guardò Emily con la fronte aggottata. “Cosa?”

“È in affidamento temporaneo. Non so con chi. Se vuole posso provare a scoprire di più.”

“Che le è successo?” Possibile che fosse una delinquente?

“Una specie di litigio con i genitori.”

“Okay.” Meglio. Una cosa alla volta. Tornò alla certificazione della scuola e lesse il nome. Il suo cuore accelerò i battiti. “È il suo nome?”

“Sì, l’hanno cambiato quando è stata adottata.”

Scorse il documento alla ricerca di una foto più recente. Alla fine c’era la copia di un articolo di giornale datato 2014. Alunna delle medie superiori vince gara.

“Porca paletta.” Era lei.

Emily si accigliò. “Non ho mai visto questo tipo di reazione. Che significa?”

Carmelina chiuse il plico. “Significa che so dove trovarla.”

“Oh. Non mi era mai capitato.”

Carmelina scoppiò a ridere. Era così vicina. Ringraziò Emily e l’abbracciò. “Non ha idea di quello che ha fatto per me,” disse, stringendola forte. “Spero che decida di incontrare sua madre. Indipendentemente da come potrà andare.”

“Grazie. E io spero che l’incontro con sua nipote sia come lo immaginava.” Poi chiuse la porta dell’ufficio con un sorriso incoraggiante, la mano appoggiata sulla pancia.

Carmelina lasciò il pianerottolo e scese le scale fino a raggiungere J Street.

Marcos. Doveva parlare con Marcos.

Prese un caffè all’Everyday Grind sulla 20a, poi gli mandò un messaggio.

 

Devo parlarti.

 

Nessuna risposta. Sorseggiò il caffè sul marciapiede, sotto la grossa quercia, osservando un ciclista con indosso una tuta verde fluo che passava da lì.

 

Ci sei?

 

C’erano così tante cose di cui voleva parlare con sua nipote. Così tante domande da farle.

 

È importante. Dobbiamo parlare

Perse il conto dei messaggi che gli mandò via via che il pomeriggio progrediva. Era sul punto di lasciar perdere e tornare a casa, quando il telefono emise un beep.

Scusa. Mi sto occupando di Dave.

Sta bene?

Credo di sì.

Possiamo incontrarci per un caffè? Domani?

Aspettò ansiosamente la sua risposta

Credo di sì. Alle 10 all’Everyday Grind tra la J e la 38a?

Perfetto. A domani.

Aveva aspettato quarant’anni per quel momento. Altre diciassette ore non avrebbero fatto alcuna differenza.

Subscribe to My Posts
Subscribe

2 Replies to “The Weekly Fix: The River City Chronicles – Chapter Eighty Four: Lord Love a Duck”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *