The Weekly Fix: The River City Chronicles – Chapter Eighty Two: Normal

I’m writing a series from week to week – based in part on the characters Brad and Sam from my novella “Between the Lines“. Dreamspinner has graciously created the discount code RIVERCITY for me – it will give you 25% off the novella if you want to go back and read that story. But it’s not necessary to read it before jumping in here.

La versione italiana e in fondo

Read the whole thing to-date here

(Leggi tutta la storia finora qui)

River City Chronicles

Chapter Eighty-Two:
Something to Look Forward To

Dave sat on the rug on his bedroom floor in his pajamas, holding the photo frame in his hands, rocking gently back and forth.

It had been an accident.

He’d been rooting around his garage, looking for an old notebook, when he came across the box. It was a standard banker’s box, a white box with a white box top that was covered in dust. He recognized it instantly.

Two years before, on the third anniversary of John’s death, he’d packed up all the remaining things that reminded him of his love. He’d put them out here up on the top shelf in the garage, out of the way. Out of mind. Not that he ever really forgot.

But life went on. Every day, every week, every month was a little easier.

Until he’d opened the box.

Now he sat on the floor of his bedroom in his pajamas, staring at a photo of the two of them together on their trip to Venice, posing in front of the Bridge of Sighs. The dusty glass was stained with tears.

He’d called in sick to work on Friday, and then had cancelled on Marcos for dinner.

He’d tried to sleep through the night, but had tossed and turned, his mind spinning through all his past moments with John. Dave knew he was being irrational, that he should snap out of it, that John was gone and wasn’t coming back.

It made no difference. He was in relapse. Knowing this had happened to him before didn’t make it any easier to climb out of now.

Someone knocked on the front door. Dave looked up but made no move to answer it.

They knocked again. “Dave, you in there?” It was Carmelina.

If he just stayed quiet, maybe she would leave.

She knocked one more time. Then silence returned.

He pulled a shirt out of the box and held it up. It was a plain gray t-shirt. Dave held it up to his face, burying his nose in it.

It still smelled like John.

“Why don’t you get something more colorful?”

John laughed. “I look good in gray and black.”

“How about this one?” Dave held up a bright red button-down short-sleeved shirt.

“No way. I can’t wear red.”

“I bet you’d look great in red.”

“Nope. It brings out every zit and blemish on my face.”

Dave grinned “You’re crazy. I wear red all the time.”

“You have beautiful Mexican skin. You can wear anything. I’m a winter.”

“You don’t even know what that is.”

Dave stuck his tongue out. “I know what looks good on me.” He kissed Dave, and pulled two more dark gray t-shirts off the shelf. “Here, I’ll get one of these.” He held up another shirt.

“That one’s gray too!”

“But it’s a blue gray.”

Dave sat there holding the shirt for a long time, while a bar of sunlight through the blinds chased dust bunnies across the floor.

Something woke him up. The jangle of a key in a lock. He looked up.

His front door creaked open. “Hello?”

“Dave, it’s me.” Marcos’ voice. “Are you okay?”

When had he given Marcos a key? “Yeah. Okay. Just leave me alone.”

Marcos poked his head through the doorway. “There you are.” His tone changed. “Hey, what happened?” Marcos knelt beside him. “I called you all day yesterday, but you never responded.”

“I… I just… I can’t.” He wished Marcos would just leave him alone.

“Hey, hey there… It’s okay. It’s me.” He sank down next to Dave and picked up the photo in the black frame. “Who’s this?”

Dave squeezed his eyes shut. “John,” he whispered.

“John, the one…?”

Dave nodded. “He died five years ago.”

Marcos’ hand slipped around Dave’s shoulders, drawing him into an embrace.

He felt nothing. He was dead inside.

Marcos held him for a long time.

At last, he said “Come on. Let’s get you cleaned up.”

Dave let himself be led to the shower. Marcos undressed him and got him under the warm water. It felt… not comforting, exactly. Comfortable. That was a good word.

Afterward, Marcos toweled him dry and led him back to the bedroom.

He climbed into bed, and Marcos joined him, spooning him, his chest warm against Dave’s back.

Something about that touch, about the warmth of Marcos’s skin, calmed him. He closed his eyes, content to just be still, to be warm and safe.

Tomorrow. I’ll deal with life tomorrow.

#

Something buzzed.

Marcos opened his eyes, looking blearily around the room. It had to be late afternoon from the light slanting in through the blinds onto the olive-green walls. Carefully, he detached himself from Dave, trying not to wake him.

He picked up his phone. It was a text from Carmelina. A bunch of texts.

Need to talk.

Are you there?

It’s important. Need to talk with you.

…and ten more besides. He texted her back.

Sorry, taking care of Dave.

Is he okay?

I think so.

Can I meet you for coffee? Tomorrow morning?

Marcos glanced over at Dave, who was sleeping soundly. They’d talk things over when he woke up. Besides, he could always cancel the coffee date if he had to.

I think so. 10 AM, the EG on J and 38th?

Perfect. see you there.

He wondered what was so important.

#

Dave awoke to the sound of pots and pans. He sat up and swung his feet over the edge of the bed. What the hell? Then it all came flooding back. The box, the picture. The emotional paralysis. He hadn’t felt like that in…in five years. And then… Marcos.

He padded out of the bedroom, through the tiny living room with its overloaded bookshelves, and into the kitchen. Marcos was cooking eggs. “Hey stranger.”

Marcos jumped. “Holy shit, don’t do that to me!”

“Sorry.” Dave sat at the kitchen table. “I must have been pretty out of it when you got here.”

Marcos nodded. “I was worried about you. You didn’t return my calls.”

“How did you get in?”

“You showed me the key under the rock, remember?”

“Oh yeah.”

“You hungry?”

Dave thought about it. “I’m starving, actually.”

“Here you go.” Marcos filled half of a plate with eggs, and plopped down a couple tortillas too. They were warm. “I cook them on the burner, like my dad taught me. Orange juice?”

“Yes, please.”

They sat down together and attacked their plates. By the look of it, Marcos was as hungry as he was. The eggs were really good—fluffy with lots of cheese, just like Dave liked them.

“So… what happened?” Marcos asked at last, chewing his last forkful of eggs.

“It’s… it’s hard to explain. Sometimes everything’s just too much.”

“Like when you find a photo of your deceased partner?”

“Yeah. Sometimes I just shut down. My grandmother was like that too.” He looked out the kitchen window at the evening glow. “It’s happened to me four times before. The last one was right after John died.”

“I can imagine.”

“I get it if you want to run.”

“Run?”

“Away from me.” It had happened before.

Marcos shook his head. “I like you, Dave. I’m not going to run just cause you sometimes go into power saving mode.”

Dave smiled. A little. “You do know this entitles you to a little of your own craziness.”

“I’ll keep that in mind.”

Dave grinned and squeezed Marcos’s hand. “Something to look forward to.”

Marcos squeezed back. “I think I’m falling for you.” The expression on Marco’s face was naked and vulnerable, and it touched Dave.

In that moment, he felt alive. “Me too.”


Capitolo Ottantadue: Nuovi orizzonti

Dave sedeva in pigiama sul tappeto della camera da letto, stringendo una cornice al petto e dondolando avanti e indietro.

Era stato un incidente.

Stava frugando in garage alla ricerca di un vecchio blocco d’appunti quando aveva trovato la scatola. Si trattava di un normalissimo scatolone bianco con coperchio ed era ricoperto di polvere. L’aveva riconosciuto all’istante.

Due anni prima, nel terzo anniversario della morte di John, l’aveva riempito con tutti gli oggetti che glielo ricordavano, poi l’aveva riposto nello scaffale più alto del garage. Lontano dagli occhi… lontano dalla testa. Ma di certo non dal cuore.

La vita, tuttavia, andava avanti, e giorno dopo giorno, dopo settimana, dopo mese era sempre stato un po’ più facile.

Finché non aveva aperto la scatola.

E ora eccolo, seduto in pigiama sul pavimento della camera, con lo sguardo fisso sulla foto di loro due in vacanza a Venezia, in posa davanti al Ponte dei Sospiri. Il vetro polveroso era macchiato di lacrime.

Si era dato malato a lavoro per tutto venerdì e aveva anche annullato la cena con Marcos.

Aveva cercato di dormire, ma non aveva fatto altro che girarsi e rigirarsi nel letto, la mente che tornava incessantemente a tutti i momenti vissuti insieme a John.

Dave si rendeva conto di essere irrazionale e che avrebbe dovuto uscire da quella crisi perché John era morto e niente e nessuno glielo avrebbe mai più riportato; ma non faceva alcuna differenza. Era una recidiva e sapere che gli era già successo altre volte non lo aiutava a uscirne.

Qualcuno bussò alla porta d’ingresso. Dave alzò la testa ma non accennò a muoversi.

Bussarono di nuovo. “Dave, ci sei?” Era Carmelina.

Se fosse rimasto zitto, forse sarebbe andata via.

La donna bussò un’altra volta, poi tornò il silenzio.

Dave estrasse una maglietta dalla scatola e la tenne davanti a sé. Era una normale t-shirt grigia. Se la portò al naso e l’annusò.

Era ancora impregnata del profumo di John.

 

“Perché non prendi qualcosa di più colorato?”

John rise. “Il grigio e il nero mi stanno bene.”

“Che ne dici di questa?” Dave gli mostrò una camicia rossa a maniche corte.

“Neanche per sogno. Non indosso il rosso.”

“Sono sicuro che staresti benissimo.”

“Nein. Fa risaltare ogni minima imperfezione della mia pelle.”

Dave sorrise. “Sei matto? Io lo porto sempre.”

“Ma tu hai un bellissimo incarnato olivastro. Puoi indossare quello che ti pare. Io sono bianco come la neve.”

“Non sai neanche che vuol dire.”

Dave gli fece linguaccia. “So cosa mi sta bene.” Gli diede un bacio e prese altre due magliette grigie. “Prendo una di queste.” Poi ancora una.

“Ma anche quella è grigia!”

“Ma è un grigio azzurrino.”

 

Dave rimase seduto abbracciato alla maglietta per molto tempo, mentre un raggio di luce che penetrava dalle tapparelle inseguiva i gatti di polvere attraverso il pavimento.

Poi qualcosa lo riscosse. Lo sferragliare della chiave nella serratura. Sollevò lo sguardo.

Il rumore della porta d’ingresso che si apriva. “Chi è?”

“Dave, sono io,” rispose la voce di Marcos. “Va tutto bene?”

Quando aveva dato la chiave a Marcos? “Sì, tutto okay. Ma voglio stare solo.”

Marcos fece capolino alla porta della camera. “Eccoti.” Poi il suo tono cambiò. “Ehi, che succede?” Gli si inginocchiò accanto. “Ho provato a chiamarti tutto ieri, ma non hai mai risposto.”

“È… solo che… non posso.” Perché Marcos non lo lasciava in pace?

“Ehi, dai, va tutto bene. Sono io.” Si lasciò cadere al suo fianco e gli prese dalle mani la cornice nera. “Chi è?”

Dave serrò gli occhi. “John,” sussurrò.

“John, il tuo…”

Annuì. “È morto cinque anni fa.”

Marcos gli fece scivolare il braccio dietro le spalle e lo strinse.

Dave non sentì nulla. Come se fosse morto dentro.

Dopo averlo abbracciato a lungo, Marcos disse: “Andiamo. Hai bisogno di una doccia.”

Dave si lasciò accompagnare in bagno. Marcos lo spogliò e lo guidò sotto il getto di acqua calda. Non era… confortante. Era confortevole. Ecco, sì, quella era la parola giusta.

Dopo la doccia, Marcos lo asciugò e lo riaccompagnò in camera.

Lo mise a letto, poi lo raggiunse e lo abbracciò da dietro. Il petto caldo contro la sua schiena.

Qualcosa in quel tocco, nel calore della pelle di Marcos, lo aiutò a calmarsi. Chiuse gli occhi, contento di essere in silenzio, caldo e al sicuro.

Domani. Penserò domani a cosa fare.

#

Una vibrazione.

Marcos aprì gli occhi, rivolgendo uno sguardo assonnato alla stanza. A giudicare dalla luce che penetrava dalle tapparelle e si rifletteva sulle pareti verde oliva doveva essere già tardo pomeriggio. Con cautela si staccò da Dave, cercando di non svegliarlo.

Prese il telefono. Era un messaggio di Carmelina. Una serie di messaggi.

Devo parlarti.

Ci sei?

È importante. Dobbiamo parlare.

… e altri dieci dello stesso genere. Le rispose.

Scusa. Mi sto occupando di Dave.

Sta bene?

Credo di sì.

Possiamo incontrarci per un caffè? Domani?

Marcos spostò lo sguardo su Dave, profondamente addormentato. Con lui avrebbe parlato quando si fosse svegliato, inoltre avrebbe sempre potuto cancellare l’appuntamento con Carmelina se ce ne fosse stato bisogno. 

Credo di sì. Alle 10 all’Everyday Grind tra la J e la 38a?

Perfetto. A domani.

Si chiese cosa potesse esserci di tanto importante.

#

Dave fu svegliato dal rumore di piatti e scodelle. Si mise seduto e appoggiò i piedi a terra. Che diavolo stava succedendo? Poi gli tornò tutto alla mente. La scatola, la foto. La crisi. Non ne aveva più avute da… cinque anni. E infine… Marcos.

Si trascinò fuori dalla camera e attraversò il piccolo soggiorno con i suoi scaffali ingombri di libri, fino alla cucina. Marcos stava preparando delle uova. “Buongiorno, straniero.”

L’uomo sobbalzò. “Cristo santo, mi hai fatto venire un accidente!”

“Scusa.” Sedette al tavolo della cucina. “Dovevo essere davvero fuori quando sei arrivato.”

Marcos annuì. “Ero preoccupato. Non mi rispondevi.”

“Come sei entrato?”

“Mi hai fatto vedere la chiave sotto il sasso, non ricordi?”

“Ah già.”

“Hai fame?”

Dave ci pensò su un attimo. “Da morire.”

“Allora ecco a te.” Gli riempì metà piatto con delle uova e aggiunse un paio di tortillas. Erano ancora calde. “Le ho cotte sul fornello, come mi ha insegnato mio padre. Succo d’arancia?”

“Sì, grazie.”

Marcos sedette e cominciarono a mangiare. A quanto pareva anche lui doveva essere stato affamato. Le uova erano ottime: soffici e con un sacco di formaggio, proprio come piacevano a lui.

“Allora… che è successo?” chiese alla fine Marcos, masticando l’ultima forchettata di cibo.

“È difficile da spiegare. Qualche volta tutto quello che mi circonda diventa… troppo.”

“Tipo quando trovi una foto del tuo defunto compagno?”

“Sì. Capita che mi isolo. A mia nonna succedeva lo stesso.” Spostò lo sguardo sulle luci soffuse della sera fuori dalla finestra. “Mi è successo quattro volte prima. L’ultima è stata subito dopo la morte di John.”

“Immagino.”

“Capisco se vuoi andare via.”

“In che senso?”

“Via da me.” Era già successo in passato.

Marcos scosse la testa. “Mi piaci, Dave. Non ho intenzione di lasciarti solo perché qualche volta ti chiudi in te stesso.”

Dave fece un piccolo sorriso. “Sai che questo ti dà il diritto ad avere anche tu delle stranezze, vero?”

“Me lo ricorderò.”

Dave sorrise più convinto e gli strinse la mano. “Nuovi orizzonti si aprono.”

Marcos ricambiò la stretta. “Mi sto innamorando di te.” L’espressione sul suo viso era sincera e vulnerabile ed emozionò Dave.

In quel momento si sentì vivo. “Anch’io.”

Subscribe to My Posts
Subscribe

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *