The Weekly Fix: The River City Chronicles – Chapter Seventy Three: Moonset

I’m writing a series from week to week – based in part on the characters Brad and Sam from my novella “Between the Lines“. Dreamspinner has graciously created the discount code RIVERCITY for me – it will give you 25% off the novella if you want to go back and read that story. But it’s not necessary to read it before jumping in here.

La versione italiana e in fondo

Read the whole thing to-date here

(Leggi tutta la storia finora qui)

River City Chronicles

Chapter Seventy Three: Moonset

Diego stared at Luna’s apartment door, shivering in the predawn cold, his breath coming out in visible puffs tinged yellow by the old porch light.

Valentina squeezed his hand. I’m here.

He nodded, and reached up to knock on the door.

He was still half asleep. Valentina had woken him at two in the morning, telling him someone had called her from Luna’s number and had urged that they come to Bologna post-haste. More of Luna’s usual drama, he supposed. And yet…

The door cracked open.

“Come in.” The man looked like he was in his mid-twenties, and was wearing a priest’s collar. “Diego?”

“Yes.” Could this be his son? The age was about right. Fate was a cruel mistress sometimes. “I was told Luna wanted to see me.”

“Come with me. I’m Father Roberto.”

“Are you… why are you here?” He followed the man down the hallway, and his sister trailed after him, looking as confused as he was.

“I’m her priest—she asked me to come administer the last rites. It won’t be long now.”

Diego stumbled. “What?”

“She’s in her bedroom, here.” The Father opened the door at the end of the hall.

A woman lay on a small bed, comforters piled up over her and a nest of pillows behind her head. The skin on her arms was yellow and bruised, and she seemed to be asleep.

“What’s wrong with her?” he whispered to the priest.

The man stared at him. “I’m so sorry. I thought you knew. She has end-stage liver disease.”

There was someone else in the room too. A boy, maybe sixteen or seventeen, sat in a chair in one corner, staring morosely at Luna. The boy looked up at him briefly, and looked away.

Did she have a second son? Odd. “So what am I supposed to do?”

“I’m told she wanted to see you, before…”

Diego swallowed and nodded. “The age was about right.” He sat in the chair next to the bed, taking in Luna’s face. It was lined, as if with great age, her skin almost transparent, a sickly yellow. She looked so old.

His anger and resentment toward her faded away like melting snow.

Luna must have heard him. Her eyes opened, and she fixed her gaze on him. “You came.” Her voice was thready, much reduced from the lively one he remembered.

She was a faded copy of her own life.

“Ciao.” He brushed the back of his hand across her cheek. “You look as beautiful as ever.”

Her lips pursed in an attempt at a smile. “Liar.”

His own smile was lopsided. “Never.” He leaned forward to kiss her forehead. “Luna, I’m so sorry I didn’t come sooner. I didn’t know.”

She nodded and closed her eyes. For a moment, he thought she’d drifted back to sleep. Then she opened them again, with apparent effort. “I want…” She pursed her lips again, and then licked her lips. “I want you to take care of Giovanni.”

“Giovanni?”

Luna nodded. “Your son.” She pointed across the room, and he turned to meet the youth’s angry gaze.

“You’re not my father.” The boy stood, pushing the chair back against the wall with a screech. “I don’t care what she says.” He ran out of the room.

He’s my son? Diego watched him go, his mind spinning. It wasn’t possible. He and Luna had been together more than two decades before, and the boy was clearly still in high school.

Oddio.

That one night.

Luna had come back into his life, eighteen years before, demanding money to keep quiet about their marriage, when Matteo had been beside himself over the death of the father. When Diego had tucked his lover into bed and gone out to get badly drunk.

He’d dreamed about Luna, how it had been when they had been together.

He thought it had been just a dream.

Diego looked down at her, a mere shadow of her former self.

She nodded, seeing it in his eyes. “So sorry, Diego.” She reached a frail arm to him, resting her hand against his cheek. “Should have told you.”

He’d been preparing himself to meet his adult son, to see his wife, and to insist she finally give him a divorce. To yell and rage and shout if he had to, until he got what he needed to fix his life with Matteo. But this…

What the hell was he supposed to do with this? How could he rage at someone who was dying?

He said the only thing he could think of. “It’s okay, Luna. It’s okay.” He lay her hand back on the comforter, and brushed back her hair behind her ear. It was brittle and sparse.

She smiled this time, her eyes saying what her lips couldn’t. Then they closed, and she slipped away into sleep once more.

Diego sat there for a long time, watching her chest rise and fall, his mind numb. How was he going to tell Matteo about this? How was he going to raise a son?

His sister tapped him on the shoulder and gestured for him to follow her.

The priest took his place, watching over Luna.

Valentina led him to the apartment’s small kitchen, all gray cabinets and white tile. She’d prepared tea and had set up two cups on the wooden chopping block. “Pull up a stool.”

“Thanks.” Diego sat and picked up the cup to drink some tea. It was warm and strong.

Valentina sipped from her own cup, watching him over the rim. “I spoke with the priest while you sat with her. He filled me in.”

He nodded. “How long does she have?”

“Hours. Maybe.” She closed her eyes. “These things are never certain.”

He shivered, trying to process the finality of it all. “How did this happen to her? She’s so young.”

“She has hepatitis. She’s apparently had it for a long time, and she’s been sick these last few years.” She took another sip. “Diego, I have to ask you something.”

“Giovanni?”

Valentina nodded.

“I didn’t know about Giovanni until you texted me two weeks ago. I swear it.”

“So you think he really is yours?”

He knew what she was asking. He hated having to answer it. “The last time I saw her… when she demanded money to keep quiet. I was very drunk that night. I think I… it’s certainly possible.”

Valentina looked away. “He looks like you. He has your eyes, and the fire there reminded me of you when you were that age.”

“She wants me to take care of him.” Diego closed his eyes, picturing her aged and tired face again. “I don’t know if I can. And Matteo, how do I tell him?” His eyes teared up, and his nose started to run. He hadn’t asked for any of this, and the boy already hated him. He’d already put Matteo through so much. “I don’t know what to do.”

Valentina set down her cup and hugged him. “Oh, Diego, what have you gotten yourself into this time?” She rocked him back and forth and kissed his cheek. He rested his head against her chest, tears running down his face. “It’s ok, polpetto. We’ll figure it out.”

God, he hoped she was right.

Someone cleared their throat.

Diego looked up to see the priest standing at the doorway. “Sorry to interrupt, but I think it’s time,” he whispered.

How does he know? Diego stood and followed the man out into the hallway.

Luna’s crazy life was drawing quickly to a close.

For some strange reason, he’d been called here to watch her moon set for the final time.


Capitolo Settantatré: Il tramonto della luna

Diego fissò lo sguardo sulla porta dell’appartamento di Luna. Tremava nel freddo del primissimo mattino e il fiato gli usciva in nuvolette di vapore tinte di giallo dalla luce gialla del portico.

Valentina gli strinse la mano. Sono qui.

Lui annuì e bussò.

Era ancora mezzo addormentato. Valentina l’aveva svegliato alle due di notte, dicendogli che qualcuno l’aveva chiamata dal cellulare di Luna e le aveva detto di correre subito a Bologna. Un altro dei giochetti di sua moglie, aveva pensato lui, eppure…

La porta si aprì di un soffio.

«Entrate.» L’uomo era sulla trentina e indossava un collare da prete. «Diego?»

«Sì.» Possibile che fosse suo figlio? L’età era più o meno quella. Il destino qualche volta era un’amante crudele. «Mi hanno detto che Luna voleva vedermi.»

«Sì, sono Padre Roberto. Venga con me.»

«È… perché è qui?» Seguì l’uomo lungo il corridoio ‒ Valentina dietro di lui ‒ più confuso che mai.

«Sono il suo prete. Mi ha chiesto di venire a somministrarle l’estrema unzione. Non ci vorrà molto ormai.»

Diego barcollò. «Cosa?»

«È nella sua stanza.» Il sacerdote aprì la porta in fondo al corridoio.

Una donna era sdraiata su un letto singolo, nascosta dalle coperte e appoggiata a una pila di cuscini. La pelle delle sue braccia era giallognola e piena di lividi. Sembrava addormentata.

«Cos’ha?» sussurrò Diego al prete.

L’uomo lo guardò. «Mi dispiace, credevo lo sapesse. È allo stadio finale di un’epatopatia.»

C’era qualcun altro nella stanza. Un ragazzo di forse di sedici o diciassette anni stava seduto in un angolo e guardava Luna corrucciato. Sollevò un attimo gli occhi su di lui, poi li riabbassò.

Luna aveva un altro figlio? Strano. «Cosa devo fare?»

«Mi hanno detto che voleva vederla prima di…»

Diego deglutì, poi annuì. «Capisco.» Sedette accanto al letto e prese a osservare il viso di Luna. Aveva molte rughe, come una persona anziana, la pelle era quasi trasparente e giallognola. Sembrava così… vecchia.

Tutta la rabbia e il risentimento che provava nei suoi confronti si sciolsero come neve al sole.

Luna dovette averlo percepito la sua presenza perché aprì e gli occhi e lo guardò. «Sei venuto.» La sua voce era debole, molto diversa da quella vivace che Diego ricordava.

Sembrava una copia sbiadita di se stessa.

«Ciao.» Le accarezzò la guancia con il dorso della mano. «Se bellissima, come sempre.»

Le labbra di lei si incurvarono in un tentativo di sorriso. «Bugiardo.»

Anche lui sorrise debolmente. «Mai.» Poi si chinò e le appoggiò un bacio sulla fronte. «Luna, mi dispiace tantissimo di non essere venuto prima. Non lo sapevo.»

Lei annuì e chiuse gli occhi. Per un attimo, Diego pensò che fosse riscivolata nel sonno, ma poi, con sforzo evidente, Luna tornò a guardarlo. «Voglio…» Strinse le labbra, poi le umettò. «Voglio che tu ti prenda cura di Giovanni.»

«Giovanni?»

Luna annuì. «Tuo figlio.» Indicò l’angolo della stanza, e Diego incrociò di nuovo lo sguardo arrabbiato del ragazzo.

«Non sei mio padre,» esclamò quest’ultimo, alzandosi e mandando la sedia sbattere contro il muro. «Non importa cosa dice lei.» Poi lasciò la stanza.

È lui mio figlio? Diego lo guardò allontanarsi e fu come se il mondo gli girasse attorno. Non era possibile. Lui e Luna erano stati insieme più di vent’anni prima, mentre il ragazzo sembrava a malapena maggiorenne.

Oddio!

Quella notte.

Luna aveva fatto una breve apparizione nella sua vita diciotto anni prima, quando era venuta a chiedere soldi per tenere segreto il loro matrimonio, proprio nel periodo in cui Matteo era fuori di sé a causa della morte del padre. Una sera, dopo aver messo il compagno a letto, Diego era uscito e si era ubriacato.

Aveva sognato Luna e com’era quando stavano insieme.

O almeno, aveva pensato che fosse stato un sogno.

Diego la guardò di nuovo, il fantasma di ciò che era stata.

Lei annuì, leggendogli la domanda negli occhi. «Mi dispiace tanto, Diego.» Allungò il braccio scheletrico e gli appoggiò una mano sulla guancia. «Avrei dovuto dirtelo.»

Diego si era preparato a incontrare un figlio adulto, a incontrare la moglie e convincerla a concedergli il divorzio. Ad arrabbiarsi, urlare e strepitare se ce fosse stato bisogno, finché non avesse ottenuto ciò che gli serviva per vivere in pace la sua vita con Matteo. Ma quello…

Che diavolo doveva fare a quel punto? Come faceva ad avercela con qualcuno in punto di morte?

Disse l’unica cosa che gli sembrò appropriata. «Va tutto bene, Luna. Non preoccuparti.» L’aiutò a riappoggiare la mano sulla coperta e le fissò una ciocca di capelli dietro l’orecchio. Erano ispidi e radi.

Questa volta Luna gli sorrise davvero, lasciando che i suoi occhi esprimessero ciò che non riusciva a dire a parole. Poi li chiuse e scivolò di nuovo nel sonno.

Diego rimase seduto a lungo di fianco al letto, osservando il petto della donna che si alzava e si abbassava. Si sentiva la mente ottenebrata. Come diavolo sarebbe riuscito a spiegarlo a Matteo? Come diavolo sarebbe riuscito a crescere un figlio?

Sua sorella gli toccò una spalla e gli fece segno di seguirla.

Il prete prese il suo posto, restando lui accanto a Luna.

Valentina lo guidò verso la piccola cucina, con i mobili grigi e le piastrelle bianche. Aveva preparato il tè e ne aveva appoggiate due tazze sul tagliere. «Prendi uno sgabello.»

«Grazie.» Diego sedette e prese la tazza. Il tè era caldo e forte.

Valentina bevve a sua volta, guardandolo da sopra il bordo. «Ho parlato con il prete mentre tu eri insieme a lei. Mi ha aggiornato.»

Diego annuì. «Quanto le resta?»

«Forse qualche ora.» Chiuse gli occhi. «Non si sa mai con queste cose.»

Diego fu scosso da un brivido, mentre cercava di venire a patti con quella notizia. «Come è possibile? È così giovane.»

«Ha l’epatite. Da molto a quanto pare, e gli ultimi anni è andata sempre peggiorando.» Prese un’altra sorsata di tè. «Diego, devo chiederti una cosa.»

«Giovanni?»

La sorella annuì.

«Non sapevo nulla di lui finché non me lo hai scritto tu due settimane fa. Te lo giuro.»

«Quindi credi davvero che sia tuo?»

Diego sapeva cosa gli stava chiedendo in realtà e detestava doverle rispondere. «L’ultima volta che l’ho vista.. quando ha chiesto dei soldi per stare zitta… Ero molto ubriaco quella notte… Credo che… è possibile.»

Valentina distolse lo sguardo. «Ti assomiglia. Ha i tuoi occhi, e il fuoco che vi brucia mi ha ricordato te quando avevi la sua età.»

«Vuole che lo cresca.» Diego chiuse gli occhi, richiamando l’immagine del viso di lei, stanco e invecchiato. «Non so se ne sono in grado. E come faccio a dirlo a Matteo?» Gli occhi gli si inumidirono e tirò su col naso. Non aveva cercato niente di tutto quello che stava succedendo e il ragazzo lo odiava, senza neanche conoscerlo. Inoltre, aveva già fatto tanto male a Matteo. «Non so che fare.»

Valentina posò la tazza e lo abbracciò. «Oh, Diego, in che guaio ti sei cacciato questa volta?» Lo strinse a sé e gli diede un bacio sulla guancia. Diego le appoggiò la testa sul petto, mentre le lacrime gli bagnavano il viso. «Va tutto bene, polpetto. Ce la faremo.»

Dio, come sperava che avesse ragione.

Qualcuno si schiarì la gola.

Diego sollevò la testa e vide il prete sulla soglia. «Scusate se vi interrompo, ma credo che sia arrivato il momento,» sussurrò.

Come lo sa? Diego si alzò e seguì l’uomo nel corridoio.

La vita folle di Luna si stava rapidamente chiudendo e per qualche strana ragione lui era stato chiamato ad assistere al suo ultimo tramonto.

Subscribe to My Posts
Subscribe

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *