Weekly Fix: The River City Chronicles – Chapter Thirty Two: Three Tables

I’ve recently launched a new series that I’ll be writing from week to week – based in part on the characters Brad and Sam from my novella “Between the Lines“. Dreamspinner has graciously created the discount code RIVERCITY for me – it will give you 25% off the novella if you want to go back and read that story. But it’s not necessary to read it before jumping in here.

La versione italiana e in fondo

Read the whole thing to-date here

(Leggi tutta la storia finora qui)

River City Chronicles

Chapter Thirty Two: Three Tables

The phone rang.

Someone’s cancelling, Carmelina thought. Someone always cancelled. She picked up the phone, pushing a strand of frizzy red hair behind her ear. “Hello?”

“Carmelina?” An Italian accent. For a second she thought it was Daniele calling to apologize for his abrupt exit the night before. She was about to light into him when the man said “It’s Matteo.”

Her anger left her in a sigh. “Ciao bello. Come state.. come stai?

“Bene… it was a difficil…difficult day.”

“Everything okay?” She’d only known them for a couple weeks, but her new Italian friends seemed relentlessly upbeat. It was strange to hear the strain in his voice.

“I hope so. I’m sorry to call. I wondered if it wasn’t too late to say yes to your invitation?”

“Tonight?”

“Yes.”

“Of course not. The more the merrier.” Arthur would have had a fit to have such a ruckus in the house. Arthur wasn’t here anymore.

“Grazie mille. We just need a few friends tonight.”

“Well, come on over.”

“We will see you soon.”

She hung up the phone, wondering what was going on with them. She was going to need to set up another cooking station. Maybe one of Nonna’s old recipes.

Then the doorbell rang. Showtime.

#

Marcos looked around Carmelina’s home. It wasn’t huge, but it exuded warmth and comfort. The olive green walls were hung with an eclectic collection of artwork running the gamut from classical to geometric modern. The brick fireplace sported a wooden mantel that held pictures of Carmelina with a handsome older man, presumably her recently passed husband. Albert? Archie? He couldn’t remember. Maybe he was the old man.

The hardwood floors were polished to a luster, and the furniture blended traditional fabrics with a contemporary style.

“Where’s the bathroom?” Marissa asked.

“Just down there,” Carmelina said, directing her down the hall. “How are you doing with her?” she asked Marcos once the girl had closed the door.

Marcos shook his head. “It’s not easy. The trial for her breaking and entering episode is next month. In the meantime, I’m trying to establish a bit of normalcy for her at home.”

Carmelina arched an eyebrow. “She’s taking over, isn’t she?”

He nodded. He must have looked miserable because she laughed, and patted him on the shoulder. “I know what a handful a teenage girl can be. I was a menace.”

“What did your mother do?” He could imagine the trouble she’d gotten into.

“She laid down the law. Kids need boundaries.”

“Easier said than done.”

“Maybe so. But she’ll thank you for it later. Come on. I have a place for you to work on your piadine skills over here.”

He glanced back at the closed bathroom door. “Marissa…”

“Leave her to me. I have plans for her tonight—you deserve an evening off.” She set him down at a table at one end of the long kitchen. “Oooh, this surface is still filthy. Let me wash it off for you.” Grabbing a rag, she glanced out the window. “Oh, I think your sous chef is here.”

“Sous chef?”

But she was already off to the front door.

#

Dave reached toward the doorbell, but he hesitated. Usually he would come in the back way, but since Arthur had passed away, it had felt… intrusive to presume such familiarity. And truth be told, he’d been keeping more and more to himself in general. He ran a human resources consulting firm, and had been able to conduct much of his business over the phone and the web. He felt safe at home.

It had been months since Carmelina had tried to play the matchmaker with him. Their cat and mouse game had been put on hold by her husband’s death. But apparently it was game on again now. He was glad to see her coming out of her own seclusion. But did it have to be at the expense of his own?

Five long years…

Carmelina had managed some spectacular failures with her purported matchmaking skills. Danny the Republican asshole had been particularly memorable. Maybe he should just head back home.

The door burst open and Carmelina grinned. “I thought I saw someone lurking out here. Come on in!”

Dave sighed. He’d waited a second too long to change his mind.

#

Sam and Brad arrived next.

“Carmelina, this is Brad, my partner,” Sam said, introducing a handsome man a few years his senior.

“You have a beautiful home,” Brad said, stepping inside. “Thank you for inviting us.”

“Glad to have you. Sam says you run the LGBT Center?”

“With the board. But yes, I’m there almost every day.”

“Mister Weston!”

Brad turned just in time to receive a giant hug from Marissa.

He held her out at arms’ length. “You look great. Marcos treating you okay?”

She nodded. “Mostly. Though he keeps his house too fucking cold…”

“Too what?” Brad raised an eyebrow.

“Too fracking cold.”

“Better. Still, I bet it’s warmer than the streets.”

“I guess so.”

Carmelina grinned at the girl’s brash spirit. “Marissa, wanna wait for me in the kitchen? I’m going to show you how to make a special dish my grandmother used to make for me.”

Carmelina sat Brad and Sam at the passatelli table in the dining room. She felt like a wedding planner, with her seating chart all in order. They’d each work on their separate dishes, and then they’d eat dinner together at the long folding tables she’d set up out back. Fortunately it was unseasonably warm for the first of October.

Ben showed up next, and she put him with Sam and Brad. She had plans for Dave and Marcos, and she didn’t want anything to disturb them.

At a quarter after six, Matteo and Diego arrived. Diego handed her a beautiful bottle of prosecco, which she accepted gratefully.

She picked up a glass and a fork, tapping one against the other loudly. “Okay, we’re all here. The sooner we get started, the sooner we can eat!”


Capitolo Trentadue: Tripla postazione

Il telefono squillò.

Qualcuno che vuole annullare, pensò Carmelina. C’era sempre qualcuno che annullava. Prese la cornetta, fissandosi un ciuffo di ricci rossi dietro l’orecchio. “Pronto?”

“Carmelina?” Un accento italiano. Per un attimo pensò che Daniele l’avesse chiamata per scusarsi dell’uscita frettolosa della sera prima. Era già pronta a dirgliene quattro, quando l’uomo aggiunse: “Sono Matteo.”

La rabbia svanì in un soffio. “Ciao bello. Come state… come stai?” lo salutò in italiano.

“Bene… è stata una giornata com… difficile.”

“Va tutto bene?” Carmelina conosceva la coppia da poco più di due settimane, ma le erano sempre apparsi molto allegri, quindi era strano sentire quel tono abbattuto nella sua voce.

“Spero di sì. Scusa se ti disturbo, ma mi chiedevo se non fosse troppo tardi per accettare il tuo invito.”

“Per questa sera?”

“Sì.”

“Certo che potete venire. Più siamo, meglio è.” Arthur si sarebbe arrabbiato come una biscia ad avere tutta quella confusione in casa, ma Arthur non c’era più, ormai.

“Grazie mille. Abbiamo bisogno di stare tra amici questa sera.”

“Bene, allora venite subito.”

“Arriviamo.”

Riattaccò il telefono chiedendosi cosa mai potesse essere successo. Però le serviva una terza postazione. Magari una in cui preparare le vecchie ricette della nonna.

In quel momento arrivò anche il trillo del campanello. Si comincia!

#

Marcos si guardò intorno. La casa di Carmelina non era enorme, ma trasmetteva una sensazione di calore e comfort. Le pareti verde oliva erano coperte da un’eclettica collezione di quadri che andavano dal classico al geometrico. Il caminetto di mattoni era sormontato da una mensola, su cui erano appoggiate una serie di cornici con le foto di Carmelina e di un bell’uomo un po’ più anziano, probabilmente il suo defunto marito. Albert? Archie? Non ricordava. Forse era stato molto più grande di lei.

I pavimenti in legno risplendevano e l’arredamento coniugava i tessuti tradizionali con uno stile contemporaneo.

“Dov’è il bagno?” chiese Marissa.

“Di là,” rispose la donna, indicando un punto lungo il corridoio. “Come vanno le cose con lei?” gli chiese poi, quando la ragazza si fu chiusa la porta alle spalle.

Marcos scosse la testa. “Non è per niente facile. L’udienza per effrazione è il mese prossimo. Nel frattempo sto cercando di farle vivere una vita quanto più normale possibile.”

Carmelina gli rivolse uno sguardo indagatore. “Se ne sta approfittando, vero?”

Lui annuì. Doveva aver assunto un’espressione davvero afflitta, perché lei scoppiò a ridere e gli diede una leggera pacca sulla spalla. “So quanto possa essere difficile gestire un’adolescente. Io ero indiavolata.”

“E tua madre come si comportava?” Non faceva fatica a immaginare in quali guai potesse essersi cacciata.

“Faceva rispettare le regole. I ragazzi devono avere dei paletti.”

“Più facile a dirsi che a farsi.”

“Forse. Ma vedrai che più avanti ti ringrazierà. Andiamo, ho preparato una postazione dove potrai migliorare le tue abilità di preparatore di piadine.”

Marcos guardò oltre la propria spalla verso la porta del bagno. “Marissa…”

“Lasciala a me. Ci penso io a lei… ti meriti una serata libera.” Lo fece accomodare davanti a un tavolo all’estremità di una lunga cucina. “Ohh, il piano è ancora sporco. Aspetta che lo pulisco.” Prese uno straccio e gettò un’occhiata fuori dalla finestra. “Ohh, credo che il tuo aiutante sia arrivato.”

“Aiutante?”

Ma lei era già corsa verso la porta principale.

#

Dave allungò la mano verso il campanello, ma si bloccò. In un altro momento sarebbe entrato dal retro, ma da quando Arthur era morto gli sembrava… indiscreto dare per scontata quella familiarità. E, a voler essere proprio onesti, se ne stava più per conto suo in generale. Dirigeva una società che si occupava di risorse umane e ultimamente gli era stato possibile svolgere la maggior parte del suo lavoro via telefono o internet. Si sentiva al sicuro a casa sua.

Erano passati mesi dall’ultima volta che Carmelina aveva cercato di accoppiarlo con qualcuno. Il loro gioco a rimpiattino era stato interrotto dalla morte di Arthur, ma a quanto pareva ora la donna stava riprendendo le vecchie abitudini, e lui era contento di vederla uscire dal suo isolamento. Ma doveva farlo per forza a sue spese?

Cinque lunghi anni…

Carmelina si era imbattuta in qualche fallimento davvero epico durante i suoi tentativi di trovargli un compagno. Impossibile dimenticare quello stronzo repubblicano di Danny. Forse avrebbe fatto meglio a tornare a casa.

La porta si aprì improvvisamente e Carmelina lo accolse con un sorriso. “Mi sembrava di aver visto qualcuno sbirciare dentro. Dai, entra.”

Dave sospirò. Ci aveva messo un secondo di troppo a di cambiare idea.

#

I successivi ad arrivare furono Sam e Brad.

“Carmelina, lui è Brad, il mio partner,” disse Sam, presentandole un bellissimo uomo di qualche anno più grande dell’amico.

“Ha una bellissima casa,” si complimentò Brad, mentre entrava. “Grazie per l’invito.”

“È un piacere. Diamoci del tu, okay? Sam dice che dirigi il centro LGBT.”

“Insieme al comitato, ma sì, ci vado praticamente ogni giorno.”

“Signor Weston!”

Brad si voltò appena in tempo per ricevere un enorme abbraccio da Marissa.

L’allontanò da sé e la osservò. “Hai un ottimo aspetto. Tutto bene con Marcos?”

La ragazza annuì. “Abbastanza. Anche se c’è un cazzo di freddo in casa sua…”

“Un che?” chiese Brad inarcando un sopracciglio.

“Un caspita di freddo.”

“Meglio. E scommetto che comunque è più caldo della strada.”

“Immagino di sì.”

Carmelina sorrise davanti all’atteggiamento sfacciato della ragazza. “Marissa, vorresti aspettarmi in cucina? Vorrei insegnarti un piatto speciale che mia nonna mi preparava sempre.”

Fece sedere Brad e Sam al tavolo dei passatelli in sala da pranzo. Si sentiva come un’organizzatrice di matrimoni, con la sua lista per la disposizione dei posti. Prima ogni coppia avrebbe preparato il suo piatto, e poi avrebbero mangiato tutti insieme al lungo tavolo pieghevole che aveva apparecchiato sul retro. Fortuna che faceva ancora caldo per essere il primo di ottobre.

Ben arrivò poco dopo, e lo mise a lavorare insieme a Sam e Brad. Aveva dei piani per Dave e Marcos e non voleva che nessuno li disturbasse.

Alle sei e un quarto arrivarono anche Matteo e Diego. Quest’ultimo le porse una pregiata bottiglia di prosecco, che lei accettò con vero piacere.

Prese una forchetta e un bicchiere e li batté insieme per attirare l’attenzione. “Bene, ci siamo tutti. Prima cominciamo e prima potremo mangiare.”

Get an awesome embedded message box!

One Reply to “Weekly Fix: The River City Chronicles – Chapter Thirty Two: Three Tables”